Sito in allestimento!
Lunedì - Venerdì > 9:00 - 20:00
Sabato > 9:00 - 13:00
Numero verde 800.63.45.00
EnglishFrançaisPусский
Ricerca avanzata Disegna su mappa Ricerca su mappa
Chiamaci Scrivici
Ricerca avanzata Ricerca su mappa

Palermo

Di origine Fenicia, l’etimologia del suo nome è Ziz (fiore) e rimase sotto questo dominio fino all’arrivo dei romani che le diedero il nome di (Panormus) imponendo la loro presenza su quella dei cartaginesi. Ad oggi Palermo si presenta a noi come risultato di una storia intensa ricca di dominazioni, tra i quali quella musulmana che la colloca nel periodo storico di grande splendore per sviluppo economico. Tuttavia, la potenza musulmana fu fratturata da lotte interne (cristiane-musulmane) che aprirono le porte alla conquista normanna. Di quest’ultima vi è testimonianza nel palazzo dei Normanni al cui interno, la Cappella Palatina offre lo spettacolo di numerosi elementi latini, arabi e bizantini. 

Ma passeggiando per la città, la cattedrale di Palermo, prima moschea, mostra la sua maestosità proteggendo le reliquie della patrona della città Santa Rosolia festeggiata ad oggi tra il 14 e il 15 Luglio.

Con la dominazione spagnola, invece, Palermo diventa sede dei Vicerè la quale presenza figura nei prospetti architettonici dei palazzi nobiliari di piazza “i quattro canti” o detta “ottagono del sole”.

A pochi metri da quest’ultima vi è invece piazza Pretoria o meglio conosciuta come piazza della vergogna. Il nuovo battesimo fu dovuto al fatto che per far posto al monumento furono distrutte numerose abitazioni e tuttavia non fu mai completata

Più tardi, nel 1860, avvenne lo sbarco dei garibaldini a Marsala ed ebbe inizio la conquista dell'isola in nome dell'unificazione dell'Italia; con l’Unità, il comune di Palermo intraprese la costruzione di grandi opere architettoniche tra i quali il teatro Massimo e il teatro Politeama di stile Liberty.

Città da scoprire anche tra le famose catacombe dei cappuccini, nei suggestivi mercati, nei profumi del suo cibo e negli spettacoli degli antichi pupi siciliani.